\ Il punto L maschile, come riconoscerlo e stimolarlo
www.grande-pene.com
Il primo sito reattivo in italiano
Anche disponibile in
  • Iscriviti ora al programma
    Nell nostro programma imparerete a conoscere il punto L maschile e a stimolarlo in modo corretto, in tutte le manifestazioni sessuali.

    Il punto L maschile

  • Nuovi orizzonti per la sessualità maschile.
  • Nuove vette di piacere grazie al punto L.
  • Orgasmi tondi, caldi, intensi.
  • Far tesoro del punto L sia nel coito che nei preliminari!
  • Il punto L maschile, conoscerlo, sfruttarlo, goderlo

    Diciamo che il punto L è un nome commerciale. Contrariamente al punto G femminile, il punto L maschile non è concretamente rappresentato da un rigonfiamento di fasce nervose o muscolari ma è piuttosto un nome nuovo che è stato dato alla parte esterna del muscolo pubo-coccigeo, zona particolarmente erogena che può essere stimolata sia esternamente che internamente. Stimolando il punto L stiamo anche stimolando indirettamente la prostata ed è grazie a questa combinazione di stimolazioni che la zona acquisisce la sua identità erogena particolare.

    Il punto L si trova all'altezza del perineo, cioè tra la parte bassa dei testicoli e l'ano.

    Il punto L può essere stimolato in vari modi:

    • Attraverso il sesso orale.
    • Attraverso la masturbazione.
    • Nel coito, cioè nel sesso completo.

    Di tutti questi punti i primi due sono facili e alla portata di tutti mentre il terzo richiede un apposito allenamento sia da parte dell'uomo che della donna. Il nostro programma prevede tecniche per rendere possibile la stimolazione del punto L maschile attraverso la penetrazione, e specialmente nel permettere orgasmi concorrenti anche nell'uomo. Difatti il punto L ha il suo propro orgasmo, che è diverso da quello della stimolazione usuale del pene.

    Stimolazione del punto L nel sesso orale

    Nel sesso orale, basta succhiare il pene nella punta, cioè nell'orifizio dell'uretra, la fessura del pene da dove esce l'urina e lo sperma. In questo modo si creerà un effetto di aspirazione. Per ottenere questo effetto basta succhiare ritmicamente ripetendo in rapida sequenza. Succhiando il pene in questo modo si può far arrivare un uomo all'orgasmo del punto L. Si tratta anche di una tecnica eccellente per eccitare un uomo come non mai. Per ottenere questo basta succhiare la punta del pene come se questa fosse una cannuccia, senza però succhiare troppo forte, perché questo può causare irritazioni. Una partner abbastanza abile può alternare questa stimolazione con quella del sesso orale usuale. Una volta che l'uomo raggiunge l'orgasmo, l'aspirazione dovrebbe continuare anche durante l'eiaculazione stomolando eventualmente con la lingua anche il frenulo e il punto sensibile sotto il glande (la clitoride). Infatti l'orgasmo del punto L è molto lungo e sarebbe un peccato interromperne il godimento.

    Stimolazione del punto L tramite masturbazione

    Questa è la tecnica più facile. Basta masturbarsi o farsi masturbare con l'aggiunta di pressioni della mano o del pollice sul punto L. Certo con la sola pressione delle dita sul punto L è difficile arrivare all'orgasmo e non sempre tutti gli uomini possono raggiungerlo senza preparazione. Ma accompagnando questa tecnica alla masturbazione usuale si può almeno intensificare il piacere e diversificarlo. Ovvio le sensazioni sono molto migliori se è l'altra persona ad farlo. Un'altra variante consiste nell'intrudurre un dito nell'ano dell'uomo per stimolare al tempo stesso prostata, pene e punto L. Tuttavia, soltanto alcuni uomini eterosessuali tollerano e ammettono una stimolazione anale, anche se sono in compagnia di una donna.

    Stimolazione del punto L durante il coito

    Per ottenere la stimolazione del punto L durante il coito, cioè la penetrazione, basta che l'uomo abbia un muscolo pubo-coccigeo sviluppato e che sia opportunamente preparato tramite un apposito esercizio (entrambe le tecniche si trovano nel nostro programma). La donna invece deve avere una certa padronanza dei muscoli vaginali ed essere in grado di muoverli opportunamente creando nella vagina un effetto di aspirazione. Oggigiorno poche donne sono consce dei loro muscoli vaginali e quindi è difficile che il punto L sia stimolato normalmente durante il sesso completo. Ma il nostro programma contiene tecniche che permettono di ovviare a questo problema e permettere a qualsiasi donna di poter usare i propri muscoli con profitto, non soltanto per dare maggior piacere al suo partner, ma anche per ricavare lei stessa maggior piacere. Naturalmente questi argomenti sono trattati molto più dettagliatamente nel sito www.soloperlei.com, sito interamente dedicato alla sessualità femminile e alle coppie.

    La stimolazione del punto L durante il sesso completo è particolarmente interessante perché permette orgasmi combinatori e quando è combinata con altre tecniche questi orgasmi possono essere vicendevoli, permettendo un'infinità di nuove risorse di piacere sessuale.

    L'orgasmo del punto L

    Abbiamo visto come il punto L comporti un suo proprio orgasmo, diverso da quello usuale. Questo spiega perché gli omosessuali possono raggiungere un orgasmo se penetrati analmente e perché molti uomini trovano piacevole il fatto che la loro partner introduca un dito nel loro ano durante il sesso. All'inizio si pensava che l'orgasmo anale omosessuale fosse dovuto soltanto al contatto del pene con la prostata. Ma poi si è scoperto che l'orgasmo del punto L non era completamente legato all'orgasmo prostatico e aveva caratteristiche proprie, anche se simili. Inoltre si trattava di una stimolazione inusuale della prostata e fu così che i sessuologi arrivarono per comodità a coniare il concetto di punto L come punto erogeno a parte, degno di nome e di definizione.

    Ovviamente anche la donna ha un muscolo pubo-coccigeo, ma la sua conformazione anatomica è diversa da quella dell'uomo. Inoltre nella donna non esiste una zona che può essere chiamata punto L perché le fasce muscolari e i nervi che caratterizzano il muscolo pubo-coccigeo non sono visibili esternamente come nel caso dell'uomo. Per questa ragione si parla di punto L in un contesto esclusivamente maschile. Comunque, nella donna c'è il punto G ed è la stimolazione di questo punto che facilita in gran parte l'orgasmo anale femminile, visto che la donna non ha la prostata.

    Durante i rapporti sessuali usuali il piacere cresce poco a poco diventando una sensazione acuta. Generalmente si arriva a un punto di non ritorno dove l'orgasmo è ormai inevitabile e poi si percepisce qualcosa che scatta con varie rapide scariche di piacere spasmodico, che sono di solito quattro o cinque. Di solito un orgasmo maschile dura pochi secondi ed è sempre accompagnato da contrazioni involontarie dei muscoli che si trovano tra il pube e l'ano, contrazioni che sembrano caratterizzarlo. Ottenere un orgasmo rilassato è più difficile e richiede maggior controllo corporale, ma è anche più piacevole, per entrambi i sessi.

    Invece l'orgasmo del punto L fa in qualche modo eccezione a questa regola. Si caratterizza da un orgasmo lento, progressivo, senza scatti e senza contrazioni, che fluisce come un respiro. Per usare i termini della dottoressa Leslie Leonelli1 le scariche di piacere sono più forti, meno acute, più tonde, più calde, più profonde. E soprattutto più lunghe.

    Nel programma vedremo come orgasmo ed eiaculazione sono due cose che avvengono simultaneamente ma non sono la stessa cosa. E l'orgasmo del punto L sembra confermarlo: difatti comincia un pò prima dell'eiaculazione e finisce dopo che l'ultima goccia di sperma è fuoriuscita. È un'orgasmo di tipo propagativo che si diffonde in tutto il corpo.

    Certo non si manifesta nello stesso modo in tutti e alcuni uomini sono addirittura incapaci di averlo senza una preparazione preliminare. Quindi vale la pena provarci e soprattutto prepararsi, in modo di avere tutti i mezzi a propria disposizione.


    ==============================
    (1) "Coccole e Carezze" di Leslie Leonelli, Ed. Nuovi Mondi, Perugia 2000. {torna su}
    ------------------------------





    [Chiudi]

    Questo sito è reattivo. Che cosa significa? Ebbene, provate a ridimensionare il browser e vedrete. La disposizione della pagina e la sua architettura cambiano a seconda delle dimensioni dello schermo. In altri termini non importa se state utilizzando un computer a schermo gigante, un iPhone o addiruttura un Nokia N70. Questo sito si vedrà bene indipendentemente dallo schermo!

    Oggi un numero sempre più crescente di utenti si connettono usando dispositivi mobili. Non solo i siti web devono adattarsi a qualsiasi schermo, ma devono anche essere leggeri, in quanto certi dispositivi hanno connessioni lente o a pagamento a seconda del traffico inviato e ricevuto. Tutto ciò che era vecchio è nuovo un'altra volta! Addio siti Flash (che su Mac e iPhone non si vedono neppure) e layout a immagini!

    Era dunque indispensabile sacrificare la comodità degli utenti più conservatori alle nuove esigenze di oggi (si pensi a coloro che usano ancora le vecchie versioni di Internet Explorer e che sono sempre di meno). È nato così il concetto di tecnologia liquida. Questo sito non è come molti altri che hanno una versione PC e una versione mobile. Ha una sola versione che si adatta a qualsiasi dispositivo.

    Siamo fieri di annunciare che ormai anche il nostro sito è uno dei primi ad essere pronto per il Web 3.0 e va in linea col futuro essendo univesalmente compatibile. E rimaniamo nella speranza che piaccia anche a voi.


    [Chiudi]